Long Range Italia a.s.d.

Long Range Italia a.s.d.

 

NUOVE DISPOSIZIONI MINISTERIALI IN MATERIA DI RILASCIO DEL PORTO D’ARMI

Con una recente circolare del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, il Ministero, facendo propri i più recenti orientamenti del Consiglio di Stato sull’argomento, ha emanato disposizioni che intendono chiarire la controversa questione del rilascio del porto d’armi a favore dei soggetti condannati per uno dei reati considerati ostativi e successivamente riabilitati e, quindi, unificare il comportamento di tutte le Autorità preposte al rilascio.
Per chi fosse interessato all’argomento, sul sito di Gunsweek.com potrete trovare copia della citata circolare con un interessante articolo di approfondimento.

Campionato Italiano 2018

Si ricomincia….

Long Range Italia a.s.d.

Long Range Italia a.s.d.

 

Che ne dite ?

Ricominciamo a sparare ?

Ci sono dei cambiamenti in atto nell’associazione, questo sarà un anno di transizione, faremo di nuovo delle gare interessanti con delle novità succulente in arrivo….

Stiamo anche decidendo di rifare il Campionato Italiano diviso in cinque specialità, per le gare di rosata vale il regolamento del “Five at 200”:

  • CREEDMOOR: Questa categoria comprende sia le armi ad Avancarica che quelle Retrocarica Storica, sia originali che replica. I fucili Retrocarica Storica possono gareggiare in questa categoria solo utilizzando caricamenti originali, ossia con proiettili in piombo spinti da polvere nera. Le armi di questa categoria possono usare solamente munizioni e calibri in uso su quei modelli prima del 1890. Gli organi di mira possono essere solo metallici, di foggia simile a quella originale. In questa categoria la gara è sulla distanza dei 200 m a rosata. Appoggio solo anteriore max 25 cm senza bloccare l’arma.
  • EX ORDINANZA : Vi rientrano tutti i fucili adottati in ambito militare a partire dalla 1^ G.M. e fino al 1975, dotati delle sole mire metalliche e delle canne originali. Tali armi debbono essere nel loro calibro originale, quello cioè con il quale entrarono in servizio. Tutti i fucili semiautomatici in gara dovranno essere usati sfruttando il loro semiautomatismo e con le 5 cartucce inserite nel caricatore. Per questa categoria è ammesso un unico tipo di bersaglio, uguale per tutti, costituito dal modello per pistola libera UITS. In questa categoria la gara è sulla distanza dei 100 m a punteggio. Su ogni bersaglio il tiratore dovrà tirare 13 colpi, di cui 3 di taratura e 10 di gara; i 3 colpi con il punteggio più basso verranno considerati di prova. Quando il foro del proiettile (calcolato con il suo diametro effettivo) risulta tangente alla linea di punteggio superiore, verrà attribuito questo. In caso di parità si darà prevalenza a chi avrà realizzato la sua prestazione con il calibro di diametro inferiore. Anche in questa categoria, in caso di ulteriore parità, prevarrà chi avrà realizzato il punteggio con il minor numero di tentativi o prima rispetto all’altro. Appoggio solo anteriore max 25 cm senza bloccare l’arma.
  • SEMIAUTOMATICHE  : Vi possono partecipare tutte le armi semiautomatiche, di qualsiasi tipologia e calibro. In questa categoria le gare saranno a “rosata” ed il bersaglio è libero; quelli predisposti dall’ organizzazione saranno fogli bianchi con un riferimento nero al centro, ma ogni tiratore potrà usare bersagli personali. In questa categoria la gara è sulla distanza dei 200 m a rosata. Appoggio solo anteriore con bipiede tipo Harris ripiegabile.
  • PRODUCTION :Sono ammesse tutte le armi a ripetizione ordinaria di produzione non artigianale e di calibro NON BENCH REST (sono esclusi il 222, il 6mm BR, il 6 PPC, il 30 BR, il 30 Match e qualsiasi altro calibro esclusivamente da competizione). Gli ingrandimenti dell’ottica sono liberi. Le gare saranno “a rosata”, ma solo per questa categoria si terrà conto, come risultato finale, della misura media delle due rosate che il tiratore avrà realizzato sullo stesso bersaglio. La migliore rosata singola ottenuta in gara darà diritto al tiratore ad un bonus di ulteriori 3 punti che si sommeranno a quelli ottenuti per la posizione in classifica. Appoggio solo anteriore con bipiede tipo Harris ripiegabile, o sacchetto max 25 cm senza bloccare l’arma.
  • OPEN : In questa categoria sono ammesse tutte le armi, di qualsiasi calibro e con ottica ad ingrandimenti liberi. Le gare di questa categoria saranno a punteggio su un bersaglio costituito da 10 barilotti, da attingere con un colpo per ciascuno; anche l’appoggio è libero (anteriore e posteriore). Nei poligoni dove sarà possibile, le gare di questa categoria si svolgeranno sulla distanza dei 300 m.

La decisione di riprendere il Campionato Italiano sarà presa il 10 Novembre di quest’anno sulla base delle preiscrizioni al Campionato stesso che potranno essere effettuate tramite email o telefonicamente. Condicio sine qua non è che ci siano almeno 5 iscritti per ogni categoria, in caso ce ne fossero di meno la categoria non sarà iscritta.

Il Campionato si farà su sei gare a partire da Marzo per finire a Dicembre 2018 con il consueto appuntamento con il Memorial Dick Trenk.

Altre gare potranno essere organizzate fuori dal Campionato.

Alla conferma dell’inizio del Campionato le preiscrizioni dovranno essere formalizzate con una quota di iscrizione di € 50 che darà diritto all’estrazione di un premio finale.

Le gare avranno un costo variabile in funzione dei premi e dei poligoni dove verranno effettuate.

Sbrigatevi a dare l’adesione allora !!

 

 

 
 
 

 
Durante questo torrido agosto, uno spietato male ha portato via dalle linee di tiro il nostro amico Andrea Del Tomba.
Andrea aveva solo 58 anni, e noi tutti lo ricordiamo tra i tiratori della categoria Open Semi Auto nei nostri campionati di “Five at 200”.
La sua ultima apparizione in gara risale al trofeo Dick Trenk del 2016, dove, con il suo fedele DPMS Panther in cal. 308, colse il suo miglior risultato, giungendo secondo, con una rosata di 29,8 mm, alle spalle dell’amico fraterno Alessandro Caponeri, che con il suo stesso fucile vinse la gara e stabilì il record di categoria, con una rosata di 21,8 mm, la migliore mai fatta in Italia con un’arma semiautomatica.
La passione per le armi gli venne trasmessa dal padre cacciatore, che egli fin da bambino seguiva nelle battute di caccia al cinghiale.
La caccia divenne così la sua grande passione, insieme al tennis, sport che in gioventù lo vide impegnato ad altissimi livelli.
Negli ultimi anni, alla passione per la caccia si unì quella per il tiro di precisione con armi lunghe, che lo portò ad avvicinarsi alla nostra associazione ed a frequentare abitualmente il poligono di Testa di Lepre, dove tutti lo ricordano come persona sempre generosa, cordiale e disponibile.
Andrea lascia due figli, Alessandro, di 23 anni, e Giulia, di soli 8.
Noi lo ricorderemo sempre con affetto, come un “gigante” dai modi signorili, che si aggirava tra i banconi del poligono pronto ad ascoltare con modestia i consigli che gli arrivavano dai tiratori più esperti, e bravo nel metterli in pratica.
Siamo certi che anche ora continuerai a seguire con passione le nostre gare ed a fare sportivamente il tifo per gli amici-rivali di sempre.
Ci mancherai Andrea!
 
 
 
© 2017 Long Range Italia a.s.d. Edited by Sfxmultimedia